24 fotogrammi – Dolemite is my dream

Ecco a voi un nuovo personaggio per la nostra rubrica cinematografica. Stavolta è  il protagonista di un biopic (film biografico) su un personaggio dello spettacolo americano degli anni settanta: Dolemite è il nome dell’eroe di questo entusiasmante film, interpretato da un redivivo Eddie Murphy alle prese con un ruolo che aspira a essere il suo canto del cigno.

‘Dolemite is my name’ è il titolo di quest’opera uscita da poco su Netflix. La trama è estremamente semplice, Rudy, un afroamericano fallito, per riuscire a raggiungere il successo continua a reinventarsi cambiando sempre il suo alter ego. Passa dal cantante al fare cabaret, ma ogni suo tentativo è inutile, finché non crea Dolemite, un comico senza peli sulla lingua, capace di far ridere persino i muri dei locali da quattro soldi in cui si esibisce. Il successo riesce ad arrivare, spingendo Rudy nell’ardua impresa di girare un film sull’irriverente Dolemite.

Essendo sinceri, le battute non fanno ridere veramente, faranno letteralmente morire il pubblico dei vari locali in cui Rudy si esibisce, ma a noi spettatori del film no. Non perché siano battute troppo colte o troppo stupide. Semplicemente, non fanno ridere. Ma non è importante, perché questo non è un film comico americano, un cinepanettone o simili, è una creatura a sè. Prende spunto leggermente da Bowfinger, un altro film con coprotagonista Eddie Murphy, ma ha un’anima sua, qualcosa che ti spinge a tifare incessantemente per Rudy.

Il personaggio è uno sprovveduto, ma non cade mai, forse inciampa, molte volte, riuscendo però a tornare a correre, perché, fidatevi, questa storia è una bizzarra maratona il cui traguardo è riuscire a realizzare i nostri sogni o meglio le nostre più grandi follie. Perché Rudy è sicuramente un folle, ovviamente non un folle omicida esasperato come il Joker di Phoenix,ma una persona qualunque si sarebbe arresa al secondo stop, ma lui persevera, contagiando chiunque gli stia intorno con il suo entusiasmo.

Murphy difatti interpreta un leader carismatico pronto a spaccarsi la schiena per aiutare il suo gruppo. Anche se le barzellette di Dolemite non sono il massimo della comicità, ci sono molte scene profonde, un intenso monologo sulla

caparbietà che vi farà venire la pelle d’oca.

Qualche mese fa si parlava di una possibile nomination all’Oscar per Eddie Murphy, ma alla fine l’attore afroamericano non è riuscito a entrare nella lista dei candidati, ma è stato comunque nominato a diversi premi durante il 2019, tra cui il Golden Globe al miglior attore in un film commedia e musicale.

La pellicola dal canto suo è stata inserita nella lista dei dieci migliori film dell’anno dal National Board of Review. 

Nel cast del film, oltre al sopracitato Murphy, sono presenti Wesley Snipes, Chris Rock, Snoop Dogg e Craig Robinson. 

Consiglio questo film soprattutto ai quei folli che non lasceranno mai un sogno a marcire nel cassetto.

Riccardo Mariani

Lascia un commento