La Domenica Creativa: “Du’ settimane”

Questa domenica vi facciamo leggere tre poesie della nostra new entry Marco.

“Ho iniziato a scrivere da pochi mesi e pubblico le mie poesie, ma anche alcune mie frasi,
sulla mia pagina Instagram @imheartandbrain. Da poco ho iniziato a scrivere anche canzoni
e a cantare, ma la mia più grande passione è il cinema. Da quando sono piccolo scrivo
storie e col tempo ho imparato a trasformarle in sceneggiature per realizzare il mio sogno
che è quello di scrivere e dirigere film miei.
Grazie a queste passioni spero di realizzare un altro dei miei sogni ovvero regalare emozioni
alle persone.”

“Du’ settimane”

Erano du settimane
Che nse vedevamo
Erano du settimane
Che manco se parlavamo
E se parlavamo
Litigavamo
Ma pe du settimane
N’ho fatto artro che pensa “te amo”
M’avevi detto solo 15 minuti
Ma se semo parlati come du sconosciuti
E semo stati insieme du ore
E io tutto er tempo
T’ho fissata co l’occhi pieni d’amore
M’avevi detto che avrei parlato da solo
Ma alla fine m’hai parlato
Pure se fissavi er suolo
Eh si non m’hai guardato in faccia manco un momento
Ma io m’accontento
E me godo er momento
Chissà perché non me guardavi
Chissà cosa provavi
Mo che t’ho parlato sto peggio de prima
Ma c’ho un po’ più de autostima
Perché c’ho ancora le palle de guardatte nell’occhi senza piagne
Perché te sei diversa da tutte le altre cagne
Perché vorrei ditte te amo
Ma non so quando riparlamo
E non so manco se to posso dì
Perché ormai non sei più mia
E ner dubbio te scrivo sta poesia
Pensa che poi se semo pure abbracciati
E dopo du settimane i nostri cuori se so risfiorati
C’avevo na voglia de baciatte che lascia sta
Che solo ar pensiero riinizio a trema’
Ma mo è tutto finito
T’aspetterei pure all’infinito
Ma è tutto inutile perché non vuoi
E non ci sarà più un’altro “noi”.

 

“Me so rotto er cazzo”

‘O sai che c’è?
Che me so rotto er cazzo
De esse preso per il culo
Dar primo che me passa affianco
Da esse preso per il culo
Dalla prima che me dice ti amo
E ce casco sempre
Come un pesce finito all’amo
Me so rotto er cazzo
De esse considerato uno qualunque
Ma io non so così
Io potrei spostatte er monno stelli’
Me so rotto er cazzo
De da tutti i sentimenti mia
Pe poi vedelli gettati al vento, via!
Come fossero spazzatura
Come la buccia de ‘n’anguria
Me so rotto er cazzo
De vede li sogni mia
Presi per culo da tutti
Pure daa amici mia
Me so rotto er cazzo
De esse considerato niente
De fa er buffone
Solo pe sentimme dì che so divertente
Me so rotto er cazzo
De esse considerato niente
Quando a lei
‘a volevo vede solo sorridente
Me so rotto er cazzo
Perché nessuno vede er monno
Come lo vedo io
Corpa mia, corpa de Dio
Ma corpa de che?
Me so rotto er cazzo
Perché aspetto tanto un complimento
Ma uno de quelli veri
Che quanno succederà dipingo tutti i grattacieli
Me so rotto er cazzo
Perché aspetto tanto un complimento
E me so rotto er cazzo
Perché tanto non me lamento
Me so rotto er cazzo
De vede mi madre che piagne
Perché il lavoro non ce sta più
Te prego tanto signor Gesù
Te prego tanto pe le persone che non ce stanno più
Te prego tanto pe le persone mie care
E te prego pure pe tutte quelle
Che m’hanno rotto er cazzo
Che grazie a loro sto bene
Perché na vita tutta facile
E na vita che non m’appartiene
E me so rotto er cazzo

 

“Sigaretta mia”

Ed eccote qua
Sigaretta mia
Che piano piano
Me te porti via.
Eccoce qua
Tu e io
Io e tu
Che tra du minuti
Già nce starai più.
Ma tra poco già so
Che ce ne sarà n’arta come te
A famme compagnia
Mentre prendo er caffè,
Sigaretta mia
Non pensavo che er bene che non c’ho più
Me lo avresti dato tu,
Tu che tutti dicono che fai male
Ma ormai sei la merenda preferita
Quando c’ho fame.
Stamo sempre insieme
Tiro dopo tiro
Prima te bacio e poi te sospiro
Te vojo bene sigaretta
Perché il tuo dolore
A me sembra na carezza
Sigaretta mia
Mia segaretta
Ormai amo anche la tua amarezza
Te vojo bene sigaretta.

Lascia un commento