Gapps nel mondo del lavoro

google_apps

Recentemente ho partecipato a una videoconferenza con due dipendenti italiani della famosa azienda “GOOGLE”.
Questo incontro era basato sulle applicazioni di Google per il business (purtroppo non su sistema operativo Android).
Molti di voi conosceranno Google solo  per il suo famoso search engine (motore di ricerca), Google però possiede molti altri servizi di cui  uno dei più celebri è Youtube.
Google è una azienda che punta ancora più in alto ogni giorno, va oltre l’obiettivo raggiunto in questi anni. Ha acquistato e creato progetti di ogni tipo come Google Fiber o Google Project Moon (sta portando Internet in Africa grazie a palloni aereostatici).

Durante l’incontro, i relatori hanno affermato che, nonostante sia ben sviluppato, il mercato online è stato abbracciato solo da poche aziende italiane e spesso in modo sbagliato.

Google ci ha dimostrato come dare visibilità a una nostra attività online o come guadagnare da freelance attraverso i suoi servizi.
Ci è stato illustrato il funzionamento di Adwords, Adsens ecc.
AdWords è il servizio che Google offre agli inserzionisti per inserire il proprio sito all’interno dei risultati di ricerca, nella tabella “collegamenti sponsorizzati”. Il servizio non è gratuito, ma ha un costo per click, stabilito in precedenza da Google e dagli inserzionisti.
AdSense è un servizio di banner pubblicitari offerto da Google.
Con AdSense è possibile pubblicare annunci pubblicitari sul proprio sito web, guadagnando in base al numero di visualizzazioni (impression) o in base ai click.
Per gestire il tutto possiamo usare Google Analytics, un servizio di statistiche che conteggia le visite degli utenti sul sito e quanto questi si soffermino e navighino al suo interno.

Google ha aperto dei corsi online gratuiti per apprendere al 100% le funzioni di alcuni di questi suoi servizi, rilasciando alla fine dei diplomi. Google, oltre a permetterci  di guadagnare e analizzare il tutto, ci viene anche incontro con strumenti gratuiti per sviluppare i nostri progetti, come Gmail, Hangout, Blogger, Google drive, Docs, Youtube ecc.

Google:  don’t be evil

Lascia un commento