L’infernetto – Canto I

A ‘na certa me svegliai tutt’ a ‘n botto
e m’aritrovai perso in un bosco,
pecché avevo perso l’orientamento.

Mica è facile descrive ‘sto bosco,
che era di un brutto, ma buio e tortuoso,
che solo a pensacce me caco sotto!

A momenti angoscia meno la morte;
ma prima de’ di’ che c’ho pizzicato,
devo racconta’ altre cose ch’ho córte.

Nun lo so come me ce so’ trovato,
tanto che stavo a dormi’ in quer momento
che troppo ero uscito dar seminato.

Ma quanno arivai ai piedi der colle
ndo’ finiva quer bosco maledetto
che m’aveva un botto freezato er core,

arzai lo sguardo e vidi ‘a cima sua
già illuminata dai raggi der sole
che mostrano a tutti la giusta via.

Allora me se carmò, anche se poco,
qu’a fifa ner core che me perdurò
pe’ tutta la notte passata ner foco.

E come chi cor respiro a fiatone,
uscito dar mare e arivato a riva,
se vorta a guarda’ quer di cavallone,

così l’anima mia, che ancor scappava,
se girò pe’ controlla’ quer percorso
dar quale nessuno mai vivo usciva.

Dopo che arriposai er corpo stanco,
ripresi a viaggia’ verso la collina,
scalando a fette ‘a pendenza der fianco.

Manco avevo cominciato a salicce,
che ‘na lonza agile e molto veloce,
cor manto aricoperto de macchiacce,

che mica se levava dalla faccia,
me bloccò tanto er cammino a tar punto
che a tratti avrei messo la retromarcia.

Era comunque de prima matina,
e er sole era n’aa costellazione
ndo’ stava quanno la creatura Divina

creò all’inizio quei corpi celesti;
sicché c’avevo ragione a nun teme’
quella berva dar pattern sulle vesti

in quell’ora de qu’a bella stagione;
fin quanno nun successe all’improvviso
che dar nulla sartò fori un leone.

Pareva come se me stesse a punta’,
co’ ‘na capoccia arta e co’ ’n’acquolina,
ch’anche l’aria sembrava stesse a trema’.

E ‘na lupa, che de tutte le brame
pareva piena pur essenno secca,
fu causa de tanti morti de fame,

e me se riempi’ de angoscia la panza,
tanta la strizza che m’aveva preso,
che d’arriva’ in cima persi ‘a speranza.

E come chi spenne solo pe’ spenne
e se risveglia co’ le tasche vuote,
ar punto che solo ‘a lacrima scenne;

così me fece ‘a bestia senza pace,
che, venendome ‘ncontro, passo passo,
m’arispediva là do’ er sole tace.

Mentre che ero costretto a torna’ indietro,
davanti l’occhi mia me se presentò
chi a lungo me pareva dietro a ’n vetro.

Quanno lo vidi ’n mezzo ar gran deserto,
“Abbiate pietà de me” je urlai contro,
“chinunque tu sia, fantasma o omo certo!”

Me rispose: “Esse omo pe’ me è tardi,
la patria d’a famija mia, mantovana,
fio de genitori entrambi lombardi.

Nacqui dopo la morte de Cesare
e vissi a Roma nel regno d’Augusto
quanno de dei ce n’era n’arveare.

Fui poeta e cantai der giusto Enea,
quer fio d’Anchise che venne da Troia,
poiché ‘e case arse furon platea.

Ma pecché te voresti annoia’ così?
Pecché nun scali un po’ er monte felice
ch’è er motivo per cui potresti gioi’?

“Sei forse tu Virgilio, quella fonte
che fa score tal fiume de parole?”
Je risposi co’ la vergogna in fronte.

“Te che de ogni artro poeta sei er faro,
me serva tutto lo studio e l’amore
che c’ho messo pe trovatte ar libraro.

Sei colui ch’ha cambiato ner profondo,
mio solo maestro e mio autore guida,
lo stile ch’oggi me distingue a fondo.

Guarda ‘a bestia per cui me so’ girato;
aiutame a sarvamme, grande saggio,
che questa vene e porsi m’ha gelato”.

“A te conviene fa tutt’artro viaggio”,
rispose pecché io scoppiai a piagne,
“se voi uscì davero da ‘sto postaccio;

che ‘sta bestia pe’ la quale stai a strilla’,
non lascia passa’ a nessuno pe de qua’,
ma anzi te blocca pe potette ammazza’;

è tarmente tanto stronza e arida,
che lo stomaco suo non se riempie mai
ma anzi dopo er pasto è ancora più avida.

Tanti so’ gli animali che se sposa,
e saranno ancora de più, finché er veltro
verrà e le darà morte dolorosa.

Costui nun c’avrà né sordi, né tana,
ma sapienza, amore e diverse virtù
e nascerà tra pannetti de lana.

Sarà ‘a sarvezza der nostro stivale,
per cui morì la vergine Cammilla,
Eurialo e Turno e Niso per il male.

Costui la caccerà de città in città,
finché all’inferno non la rimannerà,
là dove l’invidia ‘a fece usci’ anni fà.

Perciò, te guardo, mo che ce sto a pensa’
e me sa che è meglio che me segui a me,
così me te incollo da qui all’aldilà;

do’ sentirai chi dispera e si esterna,
guarderai j’antichi spiriti in pena,
ch’andranno cercanno la morte eterna;

e vedrai coloro che so’ felici
nelle fiamme, pecché co’ la speranza
de anna’ ner paradiso co’ gli amici.

Dove, se popo te pierà de annacce,
te coprirà na persona più bella:
e a noi ce toccherà de salutacce;

che l’Imperatore che lassù regna,
pe’ er fatto che vissi l’era pagana,
dice che l’anima mia non è degna.

Lui regna in ogni dove e in ogni quanno;
che sua è la città e pure er trono:
beati chi ar cospetto ariveranno!”

E io a lui: “Poeta, io t’arichiedo
pe’ quer Dio che mai tu hai conosciuto
preservame dar male che prevedo,

e conducime lassù do’ m’hai detto,
affinché veda ‘a porta de San Pietro
e quelli che c’hanno ‘a tristezza ’n petto”.

Allora partì, e j’annai appresso.

20 anni. Prima fumetti, adesso fotografia e cinema. Nonostante le passioni, lavora come graphic designer. Ora studia realmente Cinema e conta di diventare il più grande regista di tutti i tempi.

Lascia un commento