#SenzaRatto

Sabato sera. Mi trovo davanti al Teatro Argentina e mi sale un vero e proprio nodo alla gola.
Un mese fa circa, abbiamo passato quasi due settimane fra quelle poltrone rosse.
In questo progetto ci abbiamo messo veramente tanto impegno e alla fine ci abbiamo lasciato anche un po’ di cuore.

Ripensando a tutti i bei momenti passati, il primo che mi balza alla mente è sicuramente il RatMob sul palco: un momento tanto divertente quanto emozionante, perché, diciamolo, il Teatro Argentina è il TEATRO ARGENTINA, e non è una cosa da tutti i giorni salire su quell’immenso palco!
A proposito di palco… Siamo di nuovo dietro le quinte, ma questa volta per mettere in scena i copioni scritti da noi.
La tensione è alle stelle e anche l’adrenalina fa la sua parte.
La paura di sbagliare le battute, di non interpretare bene il proprio personaggio e magari di non far arrivare al pubblico “quell’emozione”, è tanta.
Tutto ciò non ci ha fermati, però! Abbiamo portato a termine la nostra rappresentazione, convinti e soddisfatti.

Una persona a cui teniamo molto, e a cui siamo particolarmente affezionati, è Lino Guanciale; lui ci ha seguiti nella realizzazione e nella messa in scena dei copioni e ci ha sempre sostenuto con i suoi consigli e il suo entusiasmo.
Tanto che possiamo dire che Lino per noi ormai non è soltanto un ‘agente’ del Ratto d’Europa, ma… , oseremmo dire, quasi un amico; si è sempre dimostrato molto disponibile e cortese con noi, anche dopo la rappresentazione, venendo a trovarci a scuola e a presentare anche lì il nostro lavoro, per ben due volte!
Oltre ai complimenti fatti da Lino, ci sono state, poi, delle parole che ci hanno resi fieri del nostro lavoro: le parole del regista Claudio Longhi.
Si è congratulato per i testi scritti, e per la nostra interpretazione… non potevamo ricevere complimenti più belli no?!

Ma non è finita qua, tale è la mancanza del nostro amato ratto, che stiamo preparando per voi la nona e ultima prova: MEMORIA… Un insieme di foto, video e tanto altro, per condividere i nostri ricordi e per non dimenticarci di questo fantastico percorso fatto insieme.
E allora… STAY TUNED !

Ilaria Sabino

Lascia un commento