Street Love Art

 

Un biglietto andata e ritorno e si parte, direzione New York!
La patria dei mille grattacieli è il luogo in cui gli artisti di strada fanno a gara per presentare le proprie opere sui muri di palazzi, ristoranti o parcheggi.
Un raccoglitore d’arte moderna che ha lo scopo di sorprendere chiunque faccia una passeggiata per le lunghe strade di New York.
Ecco qui alcuni disegni da non perdere camminando per la Grande Mela.

Love Vandal

Un cappello e un completo nero caratterizzano il “vandalo” di Nick Walker, che ci sorprende anche questa volta sul grande muro di un parcheggio tra la 17th Street e la 6th Avenue.

 

Audrey Hepburn

Big City of Dreams

L.I.S.A (Little Italy Street Art) è un progetto iniziato nel 2012, che ha come obiettivo quello di selezionare diversi artisti e creare un distretto di arte murale a Little Italy su Mulberry Street.
Il progetto ha piano piano raggiunto anche la zona di Soho, Lower Eastside, East Village, ChinaTown e Chelsea.
E’ stato realizzato per incoraggiare i newyorkesi, gli amanti dell’arte e i turisti a rivisitare Little Italy e la parte bassa di Manhattan e a immortalare le opere con una fotografia.
Tra i tanti artisti che hanno aderito al progetto troviamo Tristan Eaton, che crea un collage visivo di immagini pop mescolate al suo stile, usando una vernice spray a mano libera e un’enorme scala.

Rise Above

Sulla First Avenue, Shepard Fairey disegna, con colori sgargianti, una vecchia foto di sua figlia quando aveva tre anni, con lo scopo di dare luminosità al quartiere e far sorridere gli abitanti del luogo, soprattutto i bambini che frequentano la scuola elementare situata nelle vicinanze del murales.

Tiger

La Tigre di Lafayette Street (Soho) è del grande artista Sonny Sundancer, tornato a New York per il progetto L.I.S.A. Il murales fa parte dell’iniziativa Project CAT (Conserving Acres for Tiger) della Discovery Communication e ha come obiettivo quello di raddoppiare nel mondo la popolazione di tigri selvagge e conservare quasi un milione di acri di terra protetta al confine tra India e Bhutan. Il tutto in collaborazione con il WWF, per garantire un habitat sano per le future generazioni di tigri selvagge.

Cursum Perficio

“Cursum Perficio”, che in latino significa “Il mio viaggio è finito”, è il messaggio di Beau Stanton, che ha voluto celebrare la Little Italy in cui gli italiani andarono a stabilirsi cercando una nuova vita. L’opera è la rappresentazione del lungo viaggio che dovevano affrontare.

 

 

Silvia Petrozzi

Lascia un commento