Ammazzacaffè
Scriviamo cose, intervistiamo gente

Twin Flames: l’esperienza di Federica Botto

da 12 Mar 2023Culture, In primo piano4 commenti

Nella vita di tutti i giorni siamo soliti sentir parlare di anime gemelle, due anime uguali e persone con una profonda affinità, ma è raro sentir trattare di Fiamme Gemelle. Il concetto di Fiamme Gemelle consiste in due anime che al principio erano una sola e che, scindendosi, sono diventate due. 

Questa anima, al principio, si separa per motivi di evoluzione.

Quando si incontra la fiamma gemella, che è solo una, a differenza delle anime gemelle, che possono essere più d’una, le sensazioni che si provano sono uniche e coinvolgenti, travolgono le persone coinvolte in tutto il loro essere. Capita di provare senso di familiarità e connessione anche spirituale, oltre che hobby e passioni condivisi. Due fiamme hanno telepatia estrema, anche quando si è lontani, tanto da condividere anche sogni, a volte.

“Quando guardi negli occhi la tua Fiamma Gemella provi qualcosa di totalmente unico, un’esplosione nell’anima senza paragoni. Senti che quel qualcuno è la tua casa, il tuo posto nell’universo. Provi un fortissimo, quanto inspiegabile, senso di appartenenza, di completezza e di meraviglia.”

Parole di Federica Botto, autrice del libro “Twin Flames. Il viaggio delle Fiamme Gemelle”.

Libro di Federica Botto

L’autrice scrive della sua vita e della sua esperienza, dopo aver incontrato la sua Fiamma Gemella che chiama T. “Il momento in cui T ha suonato alla mia porta e mi ha guardata negli occhi per la prima volta mi ha cambiato l’esistenza; quello è il momento in cui la mia anima ha iniziato il suo straordinario viaggio d’amore e di consapevolezza.”

La scrittrice afferma che quando qualcuno si trova davanti all’altra metà di sé stesso, la sua fiamma, non si innamora solo di un uomo o di una donna, ma prova un amore immenso e totale: si innamora di tutto ciò che esiste, tanto che le vere Fiamme Gemelle sono attive nel volontariato e nel servizio al prossimo per l’amore infinito che scoprono di poter provare e donare. 

Inoltre, ciò che si prova quando davanti a qualcuno si pone la sua anima gemella non sono semplici sensazioni, ma vere e proprie rivelazioni, piene di sicurezza, a prescindere dalle credenze precedenti.

“Migliaia di segni mi hanno parlato di lui e di noi, prima ancora che comprendessi la natura del nostro profondissimo legame. Fino a quando un giorno, alla Sacra di San Michele, tutto si è fatto chiaro: T è parte di me. Mai certezza è stata tanto radicata nel cuore e nell’Anima come quella di essere Fiamme Gemelle. Onestamente non credevo potesse esistere un legame tanto potente e profondo. «Oltre l’umano immaginabile», dico sempre.”

Il viaggio di due fiamme è unico: è un percorso d’amore, di crescita, evoluzione e completezza. “È un percorso che per una buona parte si svolge individualmente. La nostra Fiamma Gemella non arriva nella nostra esistenza per colmare un vuoto emotivo, ma per farci riscoprire completi.

Per questo motivo si separa da noi: per aiutarci a camminare con le nostre gambe, per un po’, per crescere per davvero senza il bastone dell’altro. È solo nella maturità e nella completezza che possiamo riunirci a lui/lei.”

Proprio per la forte connessione, o semplicemente per troppe situazioni da risolvere individualmente, capita che le due fiamme gemelle debbano separarsi. Tuttavia, se sono vere Fiamme Gemelle, la vita troverà il modo di unirle di nuovo.

 “Perché il loro Amore è anche dono per gli altri. Provano incondizionato, totale ed eterno Amore.” afferma la scrittrice.

Il libro di Federica Botto è nato proprio dopo un litigio con la sua Fiamma: “Cominciavo a sentire la separazione alle porte: avevamo diverse cose da risolvere nelle nostre esistenze prima di essere pronti per qualcosa di tanto grande, senza via di ritorno. Rendermene conto è stato dolorosissimo: nulla è più difficile che separarsi dalla metà della propria Anima. Ma volevo che restasse per sempre traccia di noi e del meraviglioso disegno della vita che ci ha messi l’uno sui passi dell’altro. Non poteva finire così! La mattina seguente ho preso carta e penna e scritto per 48 ore: in un solo weekend è nato “Twin Flames. Il Viaggio delle Fiamme Gemelle. Scritto nel Cielo”, dalla prima all’ultima riga. Ricordo ancora quando, il lunedì successivo, ho letto per la prima volta l’intero manoscritto: non c’era dolore tra quelle pagine, c’era solo immenso Amore.”

La Fiamma Gemella, quindi, è la nostra vera metà e amore. Ma questo amore è necessariamente romantico o è possibile che sia anche rivolto a familiari o amici?

La scrittrice afferma: “La Fiamma Gemella è colui/colei al quale apparteniamo da sempre e per sempre, e verso il/la quale saremo sempre “attirati” su ogni piano dell’essere: animico, romantico, passionale. Le Fiamme sono costituite l’una dell’Amore totale per l’altra – è impensabile, dunque, che due Fiamme siano semplici amici o familiari. Ma ciò è possibile per le Anime Gemelle.”

Incontrare la propria Fiamma, dunque, insegna specialmente ad amare immensamente ed incondizionatamente, com’è successo alla scrittrice Federica Botto.

Ci sono tanti segni dell’Universo che sono preziosi per la vita di una persona e sono messaggi attraverso numeri, musica e simboli. Riusciamo a percepire questi messaggi specialmente dopo esserci aperti all’amore vero, come quello per una fiamma gemella. “Quando ci apriamo all’Amore, ci accorgiamo che tutto comunica con noi, poiché tutto è Energia (noi stessi lo siamo). Tutto ci guida verso il nostro Destino, tutto ci sostiene, dona speranza e tutto ci mostra anche quello che alla nostra mente, magari, sfugge.” secondo Federica.

E ciò vale per ogni singola esperienza vissuta: tutti ricevono segni perché tutti meritano di avere speranza, affinché la vita continui a essere prospera, felice e piena d’amore, in tutte le sue forme.

Aurora Pia Scuderi

Aurora Pia Scuderi

Aurora Pia Scuderi, detta "Rory", nasce in un piccolo paesino in provincia di Catania, nella regione siciliana. Ogni tipo di arte la entusiasma, come se fosse tutto ciò che le bastasse per vivere bene: le servono solo una penna, un foglio di carta e una miriade di parole per sentire viva sé stessa. «Riempi la carta con i respiri del tuo cuore.» diceva William Wordsworth e Rory si esprime così.

4 Commenti

  1. Laura

    Bell’articolo e argomento stupendo attualissimo! Grazie!

    Rispondi
    • Pateicia

      Ciao conccordo con voi! Mi piacerebbe parlarne di piu su questo argomentose hai piacere, un saludo! Grazie

      Rispondi
  2. Francesca

    Articolo bellissimo che emozione nel leggerlo.. Bravissima Rory!!

    Rispondi
  3. Emanuele

    A volte non riusciamo a capire cosa ci leghi incondizionatamente ad un’altra persona e devo dire di essere d’accordo con gli argomenti descritti dalla scrittrice. Ho notato che la giornalista Rory è impeccabile nello svolgimento dell’intervista e le domande usate sono azzeccatissime per riassumere i punti salienti del libro. Ottima intervista e ottimo articolo, Rory è bravissima.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ammazzacaffè è un laboratorio di comunicazione digitale che unisce studenti da tutta Italia in uno luogo virtuale dove scoprire, discutere e condividere informazione con uno sguardo sul presente dal futuro.

Altri articoli

Amarsi

Amarsi

Quando si parla di “amore”, solitamente si parla dell’amore verso gli altri mentre...