Ammazzacaffè
Scriviamo cose, intervistiamo gente

Uno sguardo artistico

da 22 Gen 2023Creazioni0 commenti

Una poesia di Nadia McGhee in lingua originale e tradotta in italiano, per tutti coloro che hanno mai pensato che i propri occhi marroni fossero noiosi, banali o brutti; non è così. 

Her eyes are blue

Yours are brown

Hers represent the ocean

Yours represent the ground

You’ve always hated your eyes

And wished that they were blue

But your eyes have a tint of gold 

So rare it must not be true

So yes her eyes are blue

And yes your eyes are brown

But your eyes hold the riches 

That are buried in the ground

Her eyes carry storms 

And rage like the sea

Your eyes carry earthquakes 

That bring mountains to their knees

Maybe her eyes are blue

But your eyes reign queen

Because they hold the purest riches

The world has ever seen

Nadia McGhee

traduzione: 

I suoi occhi sono azzurri

I tuoi sono marroni

I suoi rappresentano l’oceano

I tuoi rappresentano il terreno

Tu hai sempre odiato i tuoi occhi

E desiderato che fossero azzurri

Ma i tuoi occhi hanno una sfumatura di oro

Così raro che non dev’essere vero

Quindi sì i suoi occhi sono azzurri 

E sì i tuoi occhi sono marroni

Ma i tuoi occhi detengono le ricchezze

Che sono sepolte nel terreno

I suoi occhi portano tempeste

E si infuriano come il mare

I tuoi tengono terremoti

Che portano le montagne sulle ginocchia

Forse i suoi occhi sono azzurri

Ma i tuoi occhi regnano regina

Perché contengono le ricchezze più pure

Che il mondo abbia mai visto

Leggendo questi versi mi appare l’immagine dei miei stessi occhi, catturati per sbaglio qualche volta in un pieno raggio di sole, quando l’iride appare infinitamente articolata ed affascinante. L’iride è la parte dell’occhio che è unica per ciascun individuo, con ancora più caratteristiche dell’impronta digitale. All’ombra l’occhio marrone a volte sembra addirittura nero, spento, cupo, ma anche profondo e tenero. Quando colpiti dalla luce diretta, invece, si rivelano macchioline di oro, verde, filamenti densi che sembrano contenere un universo. E’ di fatto un sistema muscolare assai sofisticato e preciso, che permette la dilatazione della pupilla, e questi della sfumatura del caffè hanno maggiori quantitativi di melanina, che li permette di essere meno sensibili alla luce rispetto a quelli azzurri.

UNO SGUARDO ARTISTICO: IL MISTERO DEGLI OCCHI DI MODIGLIANI

Amedeo Modigliani è sicuramente uno degli artisti più iconico e suggestivi del 900, famoso specialmente per le sue particolari rappresentazioni umane, specialmente donne, caratterizzate da un collo più lungo del normale e il viso stranamente ovale, che le fanno assomigliare più a degli alieni che a delle vere donne!

Tuttavia, un dettaglio ha sempre affascinato studiosi, critici e appassionati di arte in tutto il mondo: il mistero degli occhi di Modigliani.

Sembra che uno degli obiettivi, anzi uno dei crucci, di Modigliani fosse proprio il reputarsi incapace di rappresentare sulla tela l’anima stessa della persona che aveva di fronte (proprio per questo motivo egli dipingeva gli occhi come due pozze di colore puro, senza iridi)… e naturalmente non era il solo! Tutta l’arte, infatti, è costellata di rappresentazioni e tentativi di rappresentare proprio questo lato, da Caravaggio a Van Gogh, perché l’elemento dell’occhio è sempre stato motivo di mistero, inquietudine, ma allo stesso tempo di fascino e interesse da parte di artisti e non, capaci di pietrificare, quasi letteralmente, lo spettatore.

Divenne famosa la frase di Vincent van Gogh: “Preferisco dipingere gli occhi degli uomini che le cattedrali, perché negli occhi degli uomini c’è qualcosa che non c’è nelle cattedrali”, che riassume in un certo senso l’importanza che lo sguardo, insieme all’introspezione psicologica che questo implica, assume per l’uomo moderno.

Divennero famosi anche i volti enigmatici e allo stesso tempo universali di Amedeo Modigliani, in cui al posto degli occhi erano presenti pozze vuote private delle iridi. La frase dell’artista “Quando conoscerò la tua anima, dipingerò i tuoi occhi” pare riassumere la sua incapacità comunicativa con l’altro sesso, ma anche, con un concetto più universale, la difficoltà di comunicazione fra le persone in genere. Raggiungere nel profondo dell’intimo una persona era per Modì un’impresa a dir poco ostica, e altrettanto difficile era dunque riprodurne l’anima sulla tela. E dal momento che gli occhi sono lo specchio dell’anima, il pittore ritenne opportuno eliminarli dal volto di alcuni dei suoi soggetti. Famosi sono il ritratto dalle orbite vuote di Madame Kisling e quello di Léopold Survage, in cui una delle pupille è assente. Alla richiesta di spiegazioni da parte di Survage sul perché lo avesse ritratto con un occhio ben delineato e uno vuoto, Modigliani rispose: “perché con uno guardi il mondo, con l’altro guardi dentro di te”. 

Alice Pizzirani

Alice Pizzirani

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ammazzacaffè è un laboratorio di comunicazione digitale che unisce studenti da tutta Italia in uno luogo virtuale dove scoprire, discutere e condividere informazione con uno sguardo sul presente dal futuro.

Altri articoli

Desiderati

Desiderati

Il tuo corpo. Il tuo corpo. Il tuo corpo. Lasciati andare, lasciati soffrire, ...